Via Milazzo 42, 00185 Roma, Italy   
Tel. 06 44703956 Fax 06 44703947   
Partita I.V.A. e C.F. 15358331005   
Email: info@cs-servizi.eu   
Pec: cs.servizi@pecaruba.it   
LE ABILITAZIONI DI SICUREZZA
Le abilitazioni sono rilasciate a quanti, persone fisiche o giuridiche, abbiano la necessità di trattare informazioni con classifica di segretezza “riservatissimo”, “segreto” e “segretissimo”.
Competente al rilascio delle abilitazioni di sicurezza per gli operatori economici è l’Ufficio centrale per la segretezza (UCSe) istituito nell’ambito del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (DIS).

Abilitazioni di sicurezza per le persone giuridiche:
  • l’abilitazione preventiva (AP) è l’abilitazione di sicurezza di cui devono essere dotati gli operatori economici per partecipare a gare di appalto o procedure per l’affidamento di contratti classificati “riservatissimo”
  • il nulla osta di sicurezza industriale (NOSI) è l’abilitazione di sicurezza che legittima l’operatore economico a eseguire lavori, fornire beni e servizi, realizzare opere, studi e progettazioni di cui sia risultato aggiudicatario o assegnatario e ai quali sia stata attribuita una classifica di segretezza superiore a “riservato”, nonché a partecipare a gare di appalto per l’affidamento di contratti classificati anche superiore a “riservatissimo”

Abilitazioni di sicurezza per le persone fisiche:
  • l’abilitazione temporanea (AT) è l’abilitazione di sicurezza rilasciata solo in casi di particolare urgenza, per improvvise e comprovate esigenze, a persone che abbiano la necessità di trattare informazioni con classifica di segretezza superiore a “riservato”
  • il nulla osta di sicurezza (NOS) è l’abilitazione di sicurezza che consente alle persone fisiche di trattare informazioni con classifica di segretezza superiore a “riservato”
Le abilitazioni per le persone fisiche non possono essere richieste direttamente dal singolo, ma soltanto da soggetti pubblici o da operatori economici abilitati a trattare informazioni classificate.

ABILITAZIONE PREVENTIVA
  • è l’abilitazione di sicurezza che consente all’operatore economico di partecipare a gare di appalto o a procedure per l’affidamento di contratti con classifica “riservatissimo”.
  • l’abilitazione preventiva non è necessaria per partecipare a gare: non classificate, sottoposte a “speciali misure di sicurezza”, classificate “riservato”
  • sono previste specifiche prescrizioni per gli operatori economici, sprovvisti di abilitazioni di sicurezza, che in fase di partecipazione a una gara abbiano la necessità di gestire dati classificati “riservato”.
  • l’abilitazione preventiva deve essere richiesta dal titolare o dal legale rappresentante – cittadino italiano – dell’operatore economico.
  • alla richiesta di abilitazione preventiva deve accompagnarsi anche la richiesta di abilitazione temporanea del legale rappresentante e di tutto il personale da impiegare nella trattazione di informazioni classificate “riservatissimo”.
  • l’abilitazione preventiva vale 6 mesi dal rilascio.

NULLA OSTA DI SICUREZZA INDUSTRIALE
  • è l’abilitazione che consente all’operatore economico di: eseguire lavori, fornire beni e servizi, realizzare opere, studi e progettazioni di cui è risultato aggiudicatario o assegnatario e ai quali sia stata attribuita una classifica di segretezza superiore a “riservato”; partecipare a gare di appalto finalizzate all’affidamento di contratti anche con classifica “segreto” o “segretissimo”
  • non è necessario per eseguire contratti: non classificati, sottoposti a “speciali misure di sicurezza”, classificati “riservato”
  • sono previste specifiche prescrizioni per gli operatori economici, sprovvisti di abilitazioni di sicurezza, che in fase di partecipazione a una gara abbiano la necessità di gestire dati classificati “riservato”.
  • deve essere richiesto dal titolare o dal legale rappresentante – cittadino italiano – dell’operatore economico.
  • alla richiesta del NOSI deve essere allegata anche la richiesta di nulla osta di sicurezza del legale rappresentante e di tutto il personale da impiegare nella trattazione di informazioni “riservatissimo” o superiore.
  • in caso di aggiudicazione della gara o dell’affidamento a qualsiasi titolo di opere, lavori, servizi o forniture, il rilascio del NOSI, per gli operatori economici in possesso di abilitazione preventiva (AP), è richiesto anche dall’amministrazione committente.
  • se è prevista la trattazione di informazioni classificate anche con sistemi di elaborazione automatizzata dei dati (EAD) e apparati crittografici (COMSEC), l’operatore economico dovrà richiedere anche le omologazioni EAD e COMSEC
  • il NOSI vale, dal rilascio, 10 anni per la classifica “riservatissimo” e “segreto”, 5 anni per la classifica “segretissimo”.
  • L’operatore economico aggiudicatario di contratto per lavori, servizi o forniture classificati “riservatissimo” o superiore, previa autorizzazione dell’ente committente e del DIS-UCSe, può sub-commettere ad altro operatore economico adeguatamente abilitato parte di tali lavori, servizi o forniture. In tal caso l’impresa assegnataria della sub-commessa, oltre alla richiesta del NOSI, deve inviare all’UCSE anche:
    1. l’autorizzazione dell’ente committente (amministrazione pubblica)
    2. gli estremi di identificazione del contratto stipulato con l’amministrazione pubblica
    L’esecuzione delle prestazioni affidate in subappalto, ai sensi delle disposizioni vigenti in materia, non può formare oggetto di ulteriore subappalto.

ABILITAZIONE TEMPORANEA
  • è un’abilitazione di sicurezza rilasciata in tempi brevi, in casi di particolare urgenza e per comprovate esigenze, che consente alle persone fisiche la trattazione di informazioni classificate “riservatissimo” o superiore.
  • non è necessaria per eseguire lavorazioni riferite a contratti che necessitano di “speciali misure di sicurezza” o ai quali sia stata attribuita la classifica “riservato”.
  • L’AT non può essere mai richiesta dai singoli interessati, ma deve essere richiesta dal titolare, dal legale rappresentante o dal funzionario alla sicurezza (FAS) dell’operatore economico già munito di abilitazione di sicurezza (NOSI o AP) o che ne abbia richiesto il rilascio. Fa eccezione il caso del legale rappresentante dell’impresa, che può richiederla anche per se stesso. Per i liberi professionisti, singoli o associati, è l’Amministrazione appaltante o usuaria del bene che, all’atto della presentazione della domanda di partecipazione alla gara, richiede il rilascio dell’abilitazione.
  • L’abilitazione temporanea vale un massimo di 6 mesi dal rilascio, ed è prorogabile una sola volta.

NULLA OSTA DI SICUREZZA
  • è un’abilitazione di sicurezza che consente alle persone fisiche la trattazione di informazioni classificate “riservatissimo” o superiore.
  • non è necessario per eseguire lavorazioni riferite a contratti che necessitano di “speciali misure di sicurezza” o ai quali sia stata attribuita la classifica “riservato”.
  • Il NOS non può essere mai richiesto dai singoli interessati, ma deve essere richiesto dal titolare, dal legale rappresentante o dal funzionario alla sicurezza (FAS) dell’operatore economico già munito di abilitazione di sicurezza (NOSI o AP) o che ne abbia richiesto il rilascio. Fa eccezione il caso del legale rappresentante dell’impresa, che può richiederlo anche per se stesso. Per i liberi professionisti, singoli o associati, è l’Amministrazione appaltante o usuaria del bene che, all’atto della presentazione della domanda di partecipazione alla gara, richiede il rilascio dell’abilitazione.
  • Il NOS vale, dal rilascio, 10 anni per i livelli “segreto” e “riservatissimo”, 5 anni per il livello “segretissimo”.

CLASSIFICA DI SEGRETEZZA
La classifica di segretezza è l’indicatore del livello di segretezza attribuito in ambito nazionale a una determinata informazione. Si configurano come documenti classificati qualsiasi supporto – materiale o immateriale, analogico o digitale – contenente informazioni classificate e, pertanto, sottoposto a misure di protezione fisica, logica e tecnica dal momento della sua origine fino a quello della sua distruzione o declassifica. Durante tale arco di vita, la sua trattazione e gestione sono disciplinate da modalità specifiche. Le singole parti di un documento possono richiedere classifiche differenti. In questo caso il livello generale di classifica dell’intero documento è pari almeno a quello della parte con classifica più elevata.

Le classifiche sono quattro:
  • segretissimo (SS)
  • segreto (S)
  • riservatissimo (RR)
  • riservato (R)
e sono attribuite dall’originatore dell’informazione, a seconda della gravità del danno che la rivelazione non autorizzata della stessa causerebbe alla sicurezza dello Stato.

Quanto agli effetti, le classifiche:
  • limitano l’accesso a una determinata informazione ai soli soggetti che abbiano necessità di conoscerla nell’esercizio delle proprie funzioni, conoscano le regole per la sua corretta gestione e conservazione, siano muniti di appropriata abilitazione, tranne nel caso della classifica “riservato”
  • fanno scattare un sistema di misure – predisposte dall’Ufficio centrale per la segretezza (UCSe) del DIS – per assicurare che la limitazione dell’accesso sia effettivamente realizzata. A ciascun livello di classifica corrisponde, infatti, una serie di prescrizioni intese ad assicurarne la protezione (sistemi di conservazione, di riproduzione, ecc.). Queste prescrizioni sono proporzionate alla rilevanza dell’interesse tutelato, e quindi tanto più incisive quanto più si sale di livello da riservato a segretissimo
  • non precludono la conoscenza della notizia all’Autorità giudiziaria. Tuttavia se nell’ambito delle proprie funzioni istituzionali l’Autorità giudiziaria acquisisce documenti classificati, è tenuta a curarne la conservazione in modo da salvaguardarne la riservatezza, assicurando il diritto delle parti coinvolte nel procedimento a prenderne visione

In casi specifici i documenti possono essere sottoposti a declassifica, vale a dire riduzione a un livello inferiore o eliminazione della classifica di segretezza.
La legge 124/2007 ha introdotto un meccanismo in base al quale la classifica di segretezza viene automaticamente ridotta al livello inferiore – es. da “riservatissimo” a “riservato” – trascorsi cinque anni dalla data della sua apposizione. Dopo ulteriori cinque anni cessa ogni vincolo di classifica. Questi automatismi non si applicano quando i termini di efficacia del vincolo sono prorogati con provvedimento motivato dall’ente che ha apposto la classifica o dal Presidente del Consiglio dei ministri nel caso di proroga superiore ai quindici anni.